Nuovo Leader PF3: MASSIMA REDDITIVITÀ, MINIMI CONSUMI

leader pf3

Faresin Industries presenta, in anteprima mondiale, il suo nuovo carro miscelatore semovente a 3 coclee. Una macchina progettata per i grandi allevamenti – da 1000 capi a salire – che stanno trasformando il settore zootecnico globale.

LEADER PF3 è la summa della tecnologia Faresin ed introduce innovazioni che migliorano in modo sostanziale ed integrato la redditività della stalla.

Straordinaria capacità produttiva. Cubature delle vasche di miscelazione a misura di grande allevamento: 30 e 36 m3. Sistema a 3 coclee verticali con una geometria degli organi di miscelazione che garantisce un unifeed perfetto con un rispetto della fibra “Faresin grade”.

Maneggevolezza in ogni situazione. La macchina è stata disegnata nella prospettiva dell’allevatore per garantire l’accessibilità attraverso passaggi di altezza contenuta nonostante la sua maestosa imponenza. I 3 assali sterzanti, con l’anteriore ed il posteriore motrici a trazione integrale permanente e la sterzatura a comando servo idraulico su tutti gli assali sono elementi critici che permettono di ridurre gli spazi di manovra anche in stalle di dimensioni contenute e permettono di viaggiare su strada in grande comfort.

ECOTRONIC: Ottimizzazione, automazione, riduzione dei consumi. Nel 2017, con il lancio della prima serie PF, Faresin lanciava il concept progettuale “laboratorio su ruote” caratterizzato all’integrazione del Polispec NIR con la macchina per garantire la qualità dell’unifeed.

Con ECOTRONIC saliamo di un ulteriore livello, trasformando le lavorazioni in un vero e proprio processo industriale automatizzato. Questo nuovo sistema interconnette tra loro tutti i dispositivi della macchina e permette, partendo dalla ricetta, di programmarne tutte le attività a seconda delle materie prime che vengono via, via caricate.  Un processo che garantisce, grazie a parametri rigorosi, una gestione ottimale di tutti gli strumenti di carico, taglio e miscelazione per preparare un unifeed della miglior qualità possibile.

ECOTRONIC, grazie alla automazione, ottimizza inoltre l’utilizzo dell’energia, dosandola secondo le necessita di ognuna delle operazioni del processo. In questo modo si riducono i consumi e si crea sostenibilità strutturale. 

L’ottimizzazione delle risorse si estende anche al lavoro dell’operatore che, grazie alla semplificazione, diviene un “conduttore di sistema” senza la necessità di particolari skill professionali.

Grazie all’automazione intelligente dei processi, LEADER PF3, flagship del line up Faresin, apre una nuova strada per la crescita degli allevamenti, in termini di qualità e redditività.

Proprio in considerazione di queste caratteristiche fortemente innovative, Leader PF3 è stato premiato con il riconoscimento di “Segnalazione EIMA 2022.

Queste stesse innovazioni verranno presto estese all’intera gamma di carri miscelatori del Brand italiano.

Laura

Laura

Mi chiamo Laura e mi occupo della comunicazione e delle relazioni con la stampa. Sono molto creativa e mi diverto a liberare il mio estro nella produzione di contenuti come articoli, foto e video. La curiosità è il mio mantra. Sono appassionata di marketing e di comunicazione innovativa, e sono sempre attenta alle nuove tendenze.
Articoli correlati

Faresin a Fieragricola 2024

Produttività e sostenibilità per tutti gli agricoltori Nel 2024 Faresin sarà nuovamente presente a Fieragricola di Verona, con grandissime novità dedicate alla zootecnia e all’agricoltura

leader pf3 40 mc

Leader PF3 ora con 40 mc di capacità

I semoventi Faresin sono sempre più enormi L’ammiraglia di gamma Leader PF3, inizialmente proposta nelle cubature 30 e 36 m3, ora è disponibile anche con

Condividi su:
EU+PONIC_Riaccendiamo_lo_sviluppo+MIMIT

ERAMIX - Electric and Robot driven mixing technologies for the future sustainable agriculture

Nella proposta progettuale il team R&D Faresin sarà impegnato in attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale. Le stesse saranno portate a termine mediante l’apporto intellettuale di tecnici interni all’azienda, avvalendosi del supporto di specialisti esterni, tra gli altri: Service Group R&D, dell’Università degli studi di Padova. Il progetto è stato sostenuto dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy attraverso la concessione di un contributo diretto alla spesa pari a 1.960.732 € e di un finanziamento a tasso agevolato pari a 1.386.222 €.

Puntualmente, le finalità di progetto si riassumono nei seguenti punti:

• massimizzazione del benessere dell’animale: precision feeding, benessere dell’ambiente stalla;
• elettrificazione dei sistemi di propulsione per carri miscelatori;
• farm del futuro:
• sviluppo della guida autonoma per i carri di miscelazione
• sviluppo di un MES per la gestione del processo: precision farming
• implementazione del calcolo della carbon footprint di processo in real-time analizzata in tempo reale e riferita al litro di latte prodotto

Le attività prevedranno tutti gli step necessari alla realizzazione di una nuova gamma di prodotto: dalla fattibilità, alla progettazione, alla realizzazione e test, una pluralità di work packages sono volti alla realizzazione e validazione di prototipi di carro miscelatore, full electric, anche con guida autonoma e con features digitali che porteranno alla rivoluzione delle attuali pratiche operative del settore di riferimento.

Infine, il progetto rispetta il principio DNSH (“Do No Significant Harm”), di cui all’articolo 17 del regolamento (UE) 2020/852 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 giugno 2020. La quantificazione dell’impatto ambientale associato alle soluzioni sviluppate nel corso del progetto agevolato viene condotta facendo ricorso a strumenti di LCA (Life Cycle Assessment) grazie alla collaborazione con la società Service Group R&D.